I giovani e l’educazione al cinema documentario

La nostra delegazione composta da: Pasquale Granata (Università Suor Orsola Benincasa), Alessia La Montagna (Università Orientale di Napoli), Luca Zammito (Amnesty International – Roma) ha partecipato sia ai meeting di formazione sui diritti umani tenutisi presso il Museo San Telmo, che ai video workshop tenutisi dal 15 al 22 presso il centro Ubik Tabakalera e che hanno prodotto una serie di video sperimentali…..di cui però vi parleremo più avanti…..

Il Meeting Internazionale Giovanile di Cinema e diritti umani che si è tenuto a San Sebastian ha avuto lo scopo di  promuovere una riflessione sulla violazione dei diritti umani per favorire la garanzia del suo esercizio attraverso le arti multimediali. Il film è considerato uno strumento molto efficace per l’educazione alla pace e può contribuire alla formazione di  una riflessione critica sui diversi contesti geografici  e sulle ingiustizie che si verificano nelle diverse parti del mondo. Tale occasione rappresenta una esperienza unica per i nostri ragazzi e per tutti i partecipanti per riflettere, condividere conoscenze ed esperienze e applicarle in situazioni pratiche, promuovere lo sviluppo di una cittadinanza attiva e critica e aumentare la loro capacità di risposta alla diversità sociale e culturale.

Pasquale e Alessia con Pamela Yates

Tra gli appuntamenti più interessanti: “Cine para el cambio” (18 aprile / 09: 00-12: 00) / Z Hall, Tabakalera a cura di  Pamela Yates e Paco de Onis. Dinamizador Zaccaria Santiago. Una masterclass aperta a registi, attivisti sociali. La regista i Pamela Yates e Paco de Onis produttore, a livello internazionale esponenti del cinema documentario, hanno affrontato le sfide del cinema dei diritti umani dalla loro esperienza come creatori per promuovere la riflessione e il dibattito sul suo potenziale come arma di protesta e di sensibilizzazione.

Tra i principali eventi riferiti al Forum della rete Human Rights Film Network ricordiamo invece l’Impact Lab, Human Right Film Network European Forum, circa l’impatto sociale dei film e dei festival di diritti umani con la partecipazione di esperti e addetti al settore:

– Nicole van Schaik (Britdoc, London)

– Pamela Yates (activist and filmmaker; Granito: How to Nail a Dictator)

– Femke van Velzen (Director of the film A Haunting History).

– Tadeusz Straczek. Future docs initiative (Watch Docs Festival, Warsaw).

Filo conduttore dell’incontro Il film come strumento di denuncia dei casi di violazioni dei diritti umani.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...