Una classe di studenti francesi valuta il film “Margerita”

La classe prima Esabac del Liceo Suger, guidata dalla Prof.ssa Sandra Millot del Liceo Suger di Seine St Denis, che ha partecipato alla Giuria Sperimentale Studenti scuole superiori, comunica  una delle sue valutazioni dei corti in concorso per la sezione giuria studenti.  La valutazione degli studenti francesi, raccontata nel video, è relativa al film “Margerita” di Alessandro Grande.

Il film viene positivamente valutato per la tematica dei ROM che, fra tradizione e desiderio di integrazione, sono ancora nel “limbo ” di una dimensione vagante, talvolta poetica come nel film,  talvolta grave e dolorosa come nelle foto di Maria di Pietro che hanno rappresentato una pietra miliare del nostro modo di raccontare il desiderio di  affermare  le dignità negate degli ultimi ed in particolare dei bambini che vivono ai margini delle nostre società e a cui il Festival del Cinema dei Diritti Umani ha dedicato una intera giornata con un impegno e  un dibattito ancora aperto e itinerante mentre agli occhi del pubblico distratto  e annebbiato dalle luci della ribalta sembra che il Festival abbia chiuso ormai le porte.

Alla fine la valutazione complessiva delle scuole che hanno partecipato alla giuria dal  Liceo Suger St. Denis di Parigi   e  del Liceo “Elsa Morante” e dell’ITIS “Galileo Ferraris” di Scampia (Napoli)  ha portato alla menzione speciale per il film NGUTU  di i Felipe Del Olmo e Daniel Valledor (Spagna 2012 – 5′) , queste le parole con cui gli studenti hanno menzionato il film: “ con ironia e apparente leggerezza NGUTU rivendica il suo diritto al lavoro contando sulla propria genialità e creatività. Da una situazione difficile il protagonista ne esce inventando una nuova e originale soluzione di lavoro . Audio e video perfetti, riflessione sul tema del razzismo e della necessità di integrazione sociale.” Agli studenti protagonisti della “Giuria Sperimentale” , Sabrina Innocenti coordinatrice della sezione Scuola ha chiesto quale fosse stata l’impressione di una esperienza didattica ed educativa così nuova per loro, la risposta è stata semplicemente questa: “ per una volta, non siamo stati noi ad esser  “giudicati” ma abbiamo “giudicato” , il Cinema in questo caso è servito a sviluppare un po’ di capacità critica e a far riflettere su questioni di ordinaria “follia”che ancora  ci ri-guardano da vicino anche se sono storie che a volte arrivano da molto lontano. E’  per questo che da circa quattro anni il Festival lo usa come “STRUMENTO DIDATTICO”,  a  presto dunque per un nuovo appuntamento della Sezione Scuola grazie ai consensi dei giovani “talenti” e dei tanti docenti che sono ancora così appassionati e volenterosi come la prof. Millot che da una periferia diversa dalle nostre ancora lancia suggerimenti di un bel modo di fare scuola!

 

giuria_francese-360x197

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...